Spesso, quando si tratta di casa e soprattutto di balcone o terrazza, proteggere dalle intemperie invernali e coprire diventa sinonimo di oscurare. Ma la luce è un elemento fondamentale per il benessere della persona, e le tendenze in fatto di architettura ne stanno tenendo conto sempre di più, disegnando soluzioni abitative consone a per irradiare la luce naturale negli ambienti, con lo scopo sia di favorire la piacevolezza dell’illuminazione diurna sia in una prospettiva di risparmio ed efficientamento energetico.

I benefici della luce naturale negli ambienti interni

Studi scientifici hanno dimostrato che la luce naturale ha effetti benefici sull’organismo poiché regola naturalmente i bioritmi contribuendo alla regolazione del sonno, inoltre allontana stress, ansia e depressione perché mantiene efficienti il sistema nervoso e le difese immunitarie. Poter spostare la messa a fuoco del proprio sguardo dai particolari vicini e casalinghi verso l’esterno e le grandi distanze è salutare per la vista e poi, un bel panorama è bello e basta, e anche la semplice estetica è qualcosa che fa vivere bene.

Quindi, se si presenta l’esigenza di installare una copertura sul proprio balcone o nella terrazza esterna all’abitazione, il primo pensiero deve essere: voglio davvero rinunciare alla luce naturale? Infatti, un tetto prefabbricato in legno o una classica tettoia in cemento (quest’ultima che risulta molto disagevole già dalla modalità di costruzione) saranno resistenti alle intemperie anche in inverno, ma oscureranno fortemente gli ambienti interni della casa.

Creare un confortevole salotto all’aperto

Esiste una soluzione per vivere gli esterni dell’abitazione anche nella stagione fredda, proteggendo l’arredamento da giardino e la famiglia che voglia stare all’aperto, senza rinunciare alla luce naturale? Per creare un confortevole salotto outdoor, con una protezione trasparente anche dal vento? Due diverse opzioni di tetto vetrato, con o senza piantoni frontali, possono davvero risolvere tutti questi problemi, con ingombro limitato e montaggio a basso impatto costruttivo.

Il tetto vetrato

Il tetto vetrato con piantoni frontali è spazioso e modulare ma anche elegante perché ridotto all’essenziale negli ingombri: basta scegliere modelli dal design sobrio e snello con travi sottili, progettati perché gli scarichi dell’acqua e i cavi non siano visibili. Una struttura di questo tipo, oltre a creare un vero spazio living che prima non c’era, lascia filtrare la luce al suo interno e può essere anche chiusa lateralmente da vetrate scorrevoli e piacevolmente illuminata nelle ore serali con faretti LED.

Il sistema a tetto vetrato

Per chi dispone di minore spazio esterno o per chi non desidera una struttura troppo complessa, esiste anche la soluzione del tetto vetrato senza piantoni frontali: vi sono diverse opzioni di fissaggio che gli permettono di sostenersi saldamente, ad esempio tramite tiranti o piastre angolari applicate di lato, direttamente sulla facciata dell’abitazione. Il risultato è arioso a vedersi ma ugualmente robusto, ripara dalla pioggia sia le persone che i vetri delle finestre (che non dovranno più essere lavati tanto spesso), può integrare anche le canaline invisibili di scolo dell’acqua e può sopportare carichi di neve fino a 300 kg/m2.

In estate poi, su questo tipo di tetti vetrati è possibile far scorrere specifiche tende per l’ombreggiamento e cavarsela con un semplice mantenimento, mentre nella stagione fredda, per garantire una lunga durata alla struttura, si possono abbinare vetri di sicurezza e teli in tessuto hi-tech. Insomma, un bel vantaggio sia in termini di protezione che di illuminazione, e quindi di benessere.