Quante volte vi siete chiesti che cos’è veramente una casa smart, quanto sia accessibile e in che modo la domotica possa migliorare la nostra vita. Il principio di base è quello di alleggerire il lavoro domestico risparmiando contemporaneamente risorse energetiche: al centro dell’attenzione ci sono le esigenze della persona e dell’ambiente. Perché, ad esempio, un termostato smart permette non solo di azionare il riscaldamento da remoto attraverso lo smartphone (che diventa il dispositivo di comando della casa smart), ma analizza anche la temperatura esterna impostandosi automaticamente su parametri gradevoli, riducendo gli sprechi.

Trucchi economici per diventare smart

Gli elettrodomestici possono diventare smart ed essere accesi e spenti da remoto inserendo la presa di alimentazione all’interno di speciali prese Wi-Fi compatibili con Alexa e Google Home, apparecchi che a loro volta possono controllare ad esempio l’illuminazione semplicemente utilizzando nuove lampadine intelligenti: in grado di funzionare con comando vocale, possono essere impostate su diversi toni di luminosità e intensità, azionarsi con timer e assicurare risparmio energetico proteggendo gli occhi. Senza snaturare una casa che non è stata costruita con questi accorgimenti, le nuove tecnologie permettono comunque di ottenere dei buoni risultati, per cominciare.

Sistemi di ombreggiamento radio e smart

Spesso, alcuni sistemi di automatizzazione e di azionamento sono già inseriti in apparati e installazioni per la casa, come nel caso delle tende da sole: sono disponibili, ad esempio, meccanismi a guide laterali telescopiche sporgenti che permettono di ampliare la superficie della tettoia protettiva premendo un pulsante, oppure semplici radiocomandi che regolano l’apertura di una tenda da sole con motoriduttore, oppure ancora centraline climatiche e sensori radio per sole, temperatura e vento alimentati a batteria, posizionabili senza cavi sulla facciata esterna dell’abitazione (e adattabili alla singola unità abitativa o all’intera facciata) per rilevare i cambiamenti metereologici e chiudere o aprire le tende da sole in automatico o da remoto.

In questo modo, un temporale improvviso non sarà più un problema, così come un eccesso di illuminazione non surriscalderà più gli ambienti in quanto sono disponibili sistemi di ombreggiamento verticale che si chiudono automaticamente. Il comfort e le funzionalità da impostare in base alle proprie abitudini diventeranno i protagonisti della vita domestica, sempre con l’attenzione alla sicurezza dei dati: è bene verificare che i dispositivi siano dotati di regolare certificazione di sicurezza e connessioni http criptate (come accade per l’home banking). Insomma, passare dalla tecnologia radio al cablaggio di casa per sbizzarrirsi con la domotica sarà un vero divertimento.